Home Calabria Settembre Rendese compie 56 anni e festeggia regalandosi un cartellone sostanzioso e...

Settembre Rendese compie 56 anni e festeggia regalandosi un cartellone sostanzioso e vivace.

83
0

RENDE :: 13/09/2021 :: Settembre Rendese compie 56 anni e festeggia regalandosi un cartellone sostanzioso e vivace, un’edizione caratterizzata da artisti anche internazionali, che Alfredo De Luca, già direttore artistico del Rende Teatro Festival e del Teatro dei Ruderi di Cirella ha voluto per il suo debutto quale direttore artistico della manifestazione.
La kermesse più longeva dell’area urbana partirà il prossimo 16 settembre con la presentazione in anteprima de Gli Aragonesi di Napoli dello storico Giuseppe Caridi, l’inaugurazione della mostra di Mimmo Vercillo, l’apertura dei percorsi enologici e culinari, gli spettacoli degli artisti di strada tra le vie del cuore antico della città.

Oltre alla Notte degli Artisti del 17 settembre che avrà come madrina d’eccezione la ballerina e attrice Matilde Brandi, ci saranno i live di Joe Bastianich (18 settembre), Irene Grandi (27 settembre) e Arisa (30 settembre).

Oltre alla musica, spazio all’arte e alla letteratura con Geni Comuni che quest’anno, oltre agli artisti emergenti in concorso, avrà in esposizione opere dei maestri Andy Warhol Mario Schifano, Mimmo Rotella, Emilio Isgrò, Aurelio Amendola, Salvatore Fiume, Giosetta Fioroni, Ugo Nespolo. Inoltre il panel dedicato alla presentazione dei libri sarà ricco e con ospiti illustri, oltre ai consueti appuntamenti promossi con il Premio Sila.

Quest’anno particolare attenzione sarà data al tema dei diritti civili. Tanti i momenti di approfondimento e riflessione intorno al tema al Museo del Presente: il 20 settembre l’autore Francesco Lepore giornalista de Linkiesta presenta Il delitto di Giarre con Paolo Patanè e Marco Marchese, storia di un delitto insoluto che s’intreccia alle lotte LGBT+ in Italia.

Il 25 settembre, in occasione della Chiamata globale dell’associazione RAWA per sostenere le donne dell’Afghanistan, Rende risponderà con la proiezione di “IAmTheRevolution” il film di Benedetta Argentieri che ha dato voce alle militanti per l’uguaglianza di genere in Afghanistan, Iraq e Rojava Kurdistan e Siria. Seguirà, poi, un dibattito con Linda Bergamo (CISDA), Domenico Bilotti ( Unicz) e Giovanna Vingelli (Centro Women’s Studies “Milly Villa” ).
Infine il primo ottobre riparte Latitudini Ribelli con la presentazione dell’Archivio Desaparecido: storie di desaparecidos italiani in America, progetto del Centro di giornalismo permanente nato grazie al crowdfunding di Produzioni dal basso e al sostegno di Repubblica, Left, Il Manifesto. Il giornalista Alfredo Sprovieri che insieme a Elena Basso e Marco Mastrandrea ha realizzato l’archivio, illustrerà il progetto arricchito, per l’occasione, dalle chitarre di Gianluca Veltri e Antonio Mascaro.

Infine, diverse le iniziative costruite intorno alla candidatura di Rende quale Città Europea dello Sport per il 2023 tra cui la presentazione ufficiale del video di presentazione realizzato dal regista Gianluca Gargano.
Appuntamento dunque domani alle 11,30 al Museo del Presente con il sindaco Marcello Manna, l’assessora alla cultura Marta Petrusewicz e il neodirettore artistico Alfredo De Luca che illustreranno il cartellone e le modalità di prenotazione degli eventi.

Articolo precedenteA Sangineto il seminario formativo “Turismo dei Sensi”.
Articolo successivoA Montalto Uffugo la presentazione del “Gran Galà della Lirica – ove tu sei nasce l’amor”.