Home Calabria Natale in Co.Ro ed è subito luce, festa e tradizione

Natale in Co.Ro ed è subito luce, festa e tradizione

165
0

L’otto dicembre si partirà con il Festival delle Luci e un concerto gospel.

CORIGLIANO ROSSANO :: 06/12/2021 :: Natale in Co.Ro è un caleidoscopio di eventi che si snoderà in molteplici iniziative, illuminando e animando tutta la città, comprese le periferie. Non solo luci, ma spettacoli, mostre, fumetti e arte. Una rassegna da vivere come una comunità coesa e appassionata. Il programma delle festività natalizie, che partirà ufficialmente, nel giorno dell’Immacolata, 8 dicembre, è stato pensato e studiato nei minimi particolari come viatico per valorizzare e far conoscere le tradizioni, i beni storici, culturali e architettonici di Corigliano-Rossano, cercando di raggiungere tutti, giovani e meno giovani.

Un contenitore ricco di eventi a basso impatto sulle casse comunali, grazie ad una serie di finanziamenti comunitari intercettati dall’Amministrazione e dagli uffici competenti. Tra gli eventi di punta di tutta la programmazione c’è “Il festival delle Luci”, organizzato in collaborazione con la Confederazione Nazionale dell’Artigianato (CNA), la Confesercenti e la FedrTerziario, il cui costo rientra in un progetto comunale finanziato dalla Regione Calabria, che partirà l’otto dicembre con l’accensione dei giochi di luce, alle 18 in Piazza del Popolo nel Centro storico di Corigliano e alle 20 in Piazza Steri nel Centro storico di Rossano. Sempre l’otto dicembre Corigliano-Rossano risuonerà delle note gospel di Ella Armstrong, alle 17 nella Chiesa di Sant’Antonio e alle 21 in cattedrale.

Il Festival delle luci è una mostra luminosa, fatta da una serie di proiezioni dinamiche su alcuni palazzi storici, che creeranno un’atmosfera suggestiva e di magia nei Centri storici della Città. Le proiezioni interesseranno: Piazza del Popolo ed il Castello Ducale nel centro storico di Corigliano, Piazza Santi Anargiri e Piazza Steri nel Centro Storico di Rossano e il Quadrato Compagna a Schiavonea. Grazie ai giochi di luce sul Castello ducale, in particolare, questo importante attrattore culturale della Città sarà visibile anche da chi percorrerà la SS. 106. È sicuramente, questo, un modo per valorizzare i nostri beni storici ed architettonici e per attrarre flussi di turisti e visitatori che, scatteranno foto e diffonderanno le immagini dei giochi di luce soprattutto attraverso i social network.

Altro evento inserito nel programma e particolarmente significativo è quello relativo al progetto “Imago”. Grazie alla collaborazione con la cooperativa Cluster ed all’associazione Gommalacca ed alla loro esperienza nell’ambito del Museo del Fumetto, verrà proposto un Festival del Fumetto, che prevede la presenza, dal 17 al 18 dicembre, all’interno di Palazzo San Bernardino, di fumettisti, tra i quali Gianluca e Raul Cestaro disegnatori Tex e Dylan Dog, che si cimenteranno in performance live e laboratori di fumetto, è previsto anche un laboratorio del disegnatore Vincenzo Filosa. Verrà allestita anche una mostra del fumetto, che sarà aperta al pubblico dal 17 dicembre al 16 gennaio, suddivisa in quattro sezioni: “Calabria tra le nuvole” con opere di Bruno Brindisi, Raffaele Della Monica, Enrique Breccia, Elias Tano, La Tram, Stefano Casini, Marina Comandini Pazienza, Milo Manara, Tanino Liberatore, Giulio Rincione, Prenzy, Daniele Bigliardo. “Comics Food” con opere di Flavia Sorrentino. “Il lato oscuro della luna” con opere di Diala Brisly, Lelio Bonaccorso, Grazia La Padula, Giampiero Casertano, Eugenio Sicomoro, Raul Cestaro, Giancarlo Caracuzzo, Marco Corona, Marina Comandini, Daniele Bigliardo, Luca Ralli, Pasquale Qualano. E Misteri di Calabria con opere di opere di Daniele Bigliardo.

Poiché uno degli obiettivi del programma è favorire la valorizzazione dei beni storici della Città ed anche quello di favorire la fruizione dei nostri Centri storici, si è pensato di allestire le tradizionali “Vie dei Presepi”, all’interno delle Chiese, con la preziosa collaborazione dell’Arcidiocesi di Rossano-Cariati e grazie alla disponibilità dell’Arcivescovo, monsignor Maurizio Aloise: una esposizione presepiale diffusa nelle Chiese più rappresentative della Città. Altro bene storico da valorizzare è il Teatro Valente che, grazie al progetto Musica Valente è stato riaperto al pubblico già dal 27 novembre, con un programma di concerti legati alla figura dell’illustre maestro di origini coriglianesi, che si protrarrà fino al 19 dicembre, prevedendo anche la terza edizione del Premio nazionale Vincenzo Valente a cura del Centro di valorizzazione Vincenzo Valente. Si è voluto dare ampio spazio anche alle attività espositive e per la valorizzazione dei nostri prodotti tipici: le clementine, l’olio e la liquirizia. In questa direzione sarà preziosa la lectio magistralis del professor Michele Costabile docente di marketing della LUISS.

Il programma è arricchito da manifestazioni ed eventi a cura di associazioni e organizzazioni che operano sul territorio. «Questo programma rappresenta il primo piccolo passo verso l’attività di promozione turistica della Città – afferma l’assessore al Turismo e alla Promozione del Territorio, Costantino Argentino – che passa attraverso la valorizzazione dei suoi prodotti e dei suoi beni storici, culturali, architettonici. Siamo al lavoro per strutturare un piano annuale degli eventi che vada in questa direzione, organizzando pochi eventi ma di qualità. Allo stesso modo è necessaria un’attenta attività di definizione delle strategie di marketing se vogliamo fare di Corigliano-Rossano una meta turistica di eccellenza e, per questo motivo, oltre all’investimento sugli eventi è mia intenzione, con la collaborazione dei colleghi assessori, lavorare per colmare le carenze strutturali e di servizi della Città, che rappresentano un limite allo sviluppo turistico di questo territorio».

Articolo precedenteFrida Kahlo continua a stupire Napoli
Articolo successivoIl Festival Zampognarea: canti e suoni del Natale nella tradizione siciliana per la città di Catania