Home Gusto Pizza: ci sarà anche Emy Scarpa al primo “Memorial Rodolfo Sorbillo”

Pizza: ci sarà anche Emy Scarpa al primo “Memorial Rodolfo Sorbillo”

129
0

CAGLIARI :: 19/07/2022 :: C’è anche la Sardegna al Trofeo Memorial Rodolfo Sorbillo. Una gara tra pizza-chef da tutta Italia per ricordare il compianto maestro napoletano, ideatore della pizza con cornicione morbidissimo ripieno di ricotta. “Fu realizzata nel 1959 in occasione dell’inaugurazione dello Stadio San Paolo, dove il Napoli batté la Juve per 2-1 e offerta a Umberto Agnelli per rendergli meno amara la sconfitta”, rievoca all’ANSA Luciano Sorbillo, famoso mastro pizzaiolo e figlio d’arte. Il Trofeo si terrà lunedì 19 settembre a Villa Imperiale sulla collina di Posillipo. Da Cagliari parte per Napoli Emy Scarpa, del Sea Flowers, il ristorante su chiatta di Su Siccu. Col “team Cagliari”, assieme a Marco Mulas e Giuseppe Viola, aveva conquistato il secondo posto ai mondiali di pizza a squadre che si sono svolti nei mesi scorsi a Palermo. Porterà i sapori della sua terra e terrà alta la bandiera dei “Quattro Mori”, con una proposta gustosa e in linea con le tendenze contemporanee. “Il mio impegno, la mia formazione continua sul campo puntano a esaltare i sapori del nostro territorio, far conoscere ancor più Cagliari e la Sardegna”, dice Emy Scarpa. Vanno a rafforzare la pattuglia sarda i fratelli Federico e Matteo Lai di Santadi, che arrivano invece da Monaco di Baviera dove lavorano. E’ di Oristano, inoltre, uno dei giurati, Giovanni Cauli, pluripremiato chef pizzaiolo e proprietario del “Fantasy”, vice campione del mondo a Napoli nella categoria “pizza a pala”. Sono cinque le categorie: fritta, gourmet, napoletana, con cornicione, senza glutine. Organizza il Trofeo l’associazione Promozione Sociale impastatori Italiani Ed e il maestro pizzaiolo Luciano Sorbillo, figlio di Rodolfo. “Il trofeo è un invito a ritornare alle origini – spiega all’ANSA Luciano Sorbillo – alla vecchia scuola napoletana, alle semplici regole indicate da mio padre Rodolfo e ancora prima da mio nonno Luigi: grano nostrano, niente chimica nell’impasto, dannoso per la salute, quattro ingredienti, acqua, sale, lievito e farina. Minimo 24 ore di lievitazione”. 

Articolo precedente“Adotta un paese”, il nuovo progetto di valorizzazione territoriale di Rosmarino
Articolo successivoArcomagno: ticket di ingresso e tempo massimo di 20 minuti