Home Calabria Peperoncino Jazz Festival: questa sera Gianluca Guidi in concerto al Teatro dei...

Peperoncino Jazz Festival: questa sera Gianluca Guidi in concerto al Teatro dei Ruderi di Cirella

141
0

CIRELLA :: 16/07/2022 :: L’estate 2022 sta per entrare nel vivo e il “Consorzio Operatori Turistici (di qui in avanti indicato con l’acronimo C.O.T.) Diamante & Riviera dei Cedri” ha scelto di tagliare il nastro di quella che si preannuncia come una stagione turistica a dir poco straordinaria organizzando un grande evento di spettacolo che inaugurerà il ricco cartellone allestito quest’anno al Teatro dei Ruderi di Cirella.

Nata a Diamante nel 2018, l’attivissima realtà associativa che riunisce un affiatato gruppo di imprenditori del settore turistico della Riviera dei Cedri (tra cui hotel, B&B, agriturismi, ristoranti, cantine, aziende di trasformazione di prodotti tipici, eventi culturali, associazioni, servizi di transfer, guide turistiche, ecc.) e che in collaborazione con gli enti locali e gli stakeholders del territorio progetta a ritmo serrato iniziative promozionali e attività di marketing strategico con l’obiettivo sviluppare l’offerta turistica della zona (si pensi, ad esempio, all’importante ruolo che il Consorzio ha avuto nello stimolare il passaggio di treni ad Alta Velocità come il Freccia Argento nel territorio della Riviera dei Cedri), per dare ufficialmente il via alla stagione estiva 2022 e allietare il soggiorno dei tanti turisti che già dai primi giorni del mese di luglio stanno giungendo da ogni parte d’Italia, ha deciso di farsi promotrice di un imperdibile concerto-spettacolo in programma sabato 16 luglio alle ore 22.00 presso il Teatro dei Ruderi di Cirella.

Protagonista sul palco, in una serata realizzata in joint-venture con il Peperoncino Jazz festival (rassegna itinerante nelle più belle località della Calabria diretta artisticamente da Sergio Gimigliano la cui XXI edizione si svolgerà dalla fine di luglio alla fine di settembre, caratterizzando tutta l’estate calabrese) e con il patrocinio del Comune di Diamante (che ha concesso gratuitamente l’utilizzo della location simbolo dell’offerta culturale della Perla del Tirreno), sarà Gianluca Guidi, poliedrico artista molto legato alla nota località turistica del Cosentino da quando, quasi una trentina di anni fa, ha tenuto un corso di teatro per i bambini e i ragazzi diamantesi, e che lo scorso anno ha ricevuto da parte dell’amministrazione comunale il conferimento della Cittadinanza Onoraria.

Cantante (crooner) e attore di grande spessore, regista di teatro, personaggio radiofonico e televisivo, Gianluca Guidi è un gigante della scena contemporanea italiana.

Dopo aver iniziato la carriera come cantante, partecipando al Festival di Sanremo 1989 con il brano “Amore” e l’anno successivo, in una indimenticabile edizione condotta dal padre Johnny Dorelli, con “Secondo te” (classificatasi al 3º posto nella sezione “Novità”), si avvicina al teatro (recitando al fianco di giganti della comicità come Nino Manfredi e Gigi Proietti, fino a ricevere nel 2011 il riconoscimento speciale “Leggìo d’oro Alberto Sordi”), alla televisione (dove appare, tra l’altro, nella serie “Linda e il Brigadiere” e nel cult “The Young Pope” firmato da Paolo Sorrentino) e alla radio (è spesso ospite di Fiorello nel programma radiofonico Viva Radio Due e conduce un proprio programma su Radio Uno chiamato Gianvarietà).

Negli ultimi anni oltre a portare in scena con grande successo diversi spettacoli di teatro (su tutti, il fortunatissimo “Aggiungi un posto a Tavola”, andato in scena per quattro anni in centinaia di repliche e fresco vincitore del prestigioso “Premio Flaiano”), ha ideato l’acclamatissimo “That’s Life!”, omaggio in musica e parole al leggendario Frank Sinatra, che, appunto, proporrà nel corso della serata diamantese.

Cimentandosi in tutte le più belle canzoni rese celebri dall’interpretazione dell’indimenticabile “The Voice” (da “That Old Feeling” a “L.A. is my Lady”, da “The Lady Is A Tramp” a “My Way”, fino, appunto, a “That’s Life!”), Guidi accompagnerà il pubblico, anche attraverso aneddoti particolari e gag, alla scoperta non solo “della più grande voce pop che il mondo abbia mai ascoltato”, ma anche di un uomo che, pur nella sua spigolosità caratteriale e con una vita ricca di aspetti controversi e di eccessi di ogni tipo, ha incantato milioni di persone in tutto il mondo.

Il carismatico artista, vero e proprio “Amico” anche del Peperoncino Jazz Festival (tanto che nella primavera del 2019, quando si è svolta la prima sessione newyorkese dell’evento calabrese, ha inaugurato l’apprezzatissima settimana di concerti e degustazioni ospitata in alcuni dei luoghi più esclusivi di Manhattan esibendosi presso l’Istituto Italiano di Cultura della Grande Mela), in occasione del concerto evento organizzato nel panoramico Teatro dei Ruderi di Cirella sarà supportato da quattro autentici fuoriclasse del jazz italiano: il giovane talento della tromba Antonio Scannapieco, l’incredibile pianista Michele Di Martino, il solido contrabbassista Tommaso Scannapieco (già applaudito al fianco di Daniele Sepe, Enzo Avitabile, Tony Esposito, Gegè Telesforo, Danilo Rea, Fabrizio Bosso ecc.) e il fantasioso batterista Franco Gregorio.

La serata vedrà la conduzione del giornalista e conduttore televisivo di Sky Sport, Sandro Donato Grosso amico del Consorzio. Al termine, il Presidente del C.O.T., Dott. Gianfranco Pascale, conferirà a Gianluca Guidi il Premio quale “Ambasciatore della Riviera dei Cedri”.
Il premio, un piatto in terracotta raffigurante il logo del Consorzio, sarà realizzato artigianalmente dai ragazzi diversamente abili ospiti dell’Associazione “Progetto Oasi” Onlus di Belvedere Marittimo.
Realizzato con il supporto delle aziende partner del C.O.T., Sarubbi, Delizie per il palato, Verbicaro Viti e Vini e Officine dei Cedri il concerto prevede un biglietto di ingresso al costo popolare di 10 euro acquistabile presso le prevendite abituali e sul sito www.inprimafila.net

Articolo precedenteA Guardia Piemontese l’evento “Bènvenhuts a La Gàrdia”
Articolo successivoNuova edizione di “Cucina Calabrese”: ricette tradizionali, prodotti tipici, radici culturali e identitarie