Home Campania Molino Grassi presenta la nuova “linea pizza”, farine per pizza napoletana e...

Molino Grassi presenta la nuova “linea pizza”, farine per pizza napoletana e romana

193
0

NAPOLI :: 19/05/2023 :: La nuova Linea Pizza firmata Molino Grassi si presenta in grande stile al Tutto Pizza di Napoli 2023, in scena dal 22 al 24 maggio 2023. Le referenze sono la risposta completa alle esigenze della pizzeria di oggi: un prodotto finito sempre perfetto e costante grazie a farine tecnicamente affidabili, calibrate su diversi tempi di lievitazione e tipologie. Grande novità 2023: Napoletana e Romana. Masterclass d’eccezione guidate dai maestri pizzaioli Diego Vitagliano, Cristian Zaghini e Nicola Ascani, tutte presentate da Nerina Di Nunzio di Food Confidential.

Farine diverse in base ai differenti tempi di lievitazione, per una pizza eccezionale, sempre e ovunque: è questa, in breve, la Linea Pizza firmata Molino Grassi. Una gamma completa dedicata all’universo pizza, messa a punto dalla Ricerca e Sviluppo del Molino con il supporto tecnico di Nicola Ascani, Cristian Zaghini e Diego Vitagliano, per fornire una risposta concreta alle esigenze della pizzeria di oggi.

Novità 2023, le referenze Napoletana e Romana: la Napoletana di Molino Grassi è una farina con germe di grano studiata per le esigenze della tradizione partenopea, disponibile in due versioni, Napoletana Midi, adatta a corte/medie lievitazioni e impasti diretti; Napoletana Extra, adatta a medie/lunghe lievitazioni e impasti indiretti. Favorisce lo sviluppo dell’impasto, la digeribilità, la friabilità e la scioglievolezza del prodotto finito, esaltandone caratteristiche organolettiche e per un’autentica esperienza sensoriale. La Romana è invece una miscela per pinsa, pizza alla pala, in teglia e padellino, ricca di fibre e con germe di grano e farina di riso per accentuare la croccantezza e leggerezza della pizza. Disponibile in doppia versione: Romana, con meno fibre per impasti dalla colorazione chiara, e Romana Rustica, dai toni più ambrati per esaltare il valore, il gusto e i sapori di una volta. Studiata per alte idratazioni, offre la possibilità di precottura: l’esperienza di consumo esalterà la profumazione e la croccantezza.

Ma la Linea Pizza Molino Grassi è molto altro: non mancano ad esempio, per pizza tirata ad impasto diretto, la Fast H6, perfetta anche per pizza al trancio, così come la Speedy H10, o ancora la Midi H12, ideale pure per focaccia. La gamma si completa con Extramidi H16, per pizza tirata e al piatto, e Slow H24, messa a punto per pizza al piatto, al trancio e focaccia ad impasto diretto o indiretto. Si tratta di farine 00 studiate per rispondere in modo chiaro e concreto alle esigenze di lavorazione del pizzaiolo moderno.

Inoltre, per soddisfare una clientela sempre più attenta a clean label e prodotti locali, la Linea Pizza Molino Grassi conta in gamma altre due farine: Bio, 00 biologica, e Macinata Pietra Forte Bio, tipo 1 biologica per lievitazione di 24-48 ore, ideale per pane, pizza, focacce.

Per impasti ricchi di colore e gusto, c’è poi la Multicereali, farina tipo 1 che vede aggiunti al grano tenero i sapori e i profumi di segale, orzo, riso e avena.

Vola Via – lo spolvero per pizza – è infine la farina di grano duro ideale per spolverare il banco di lavoro della pizza che, dopo la cottura, risulta essere più dorata e fragrante.

DIEGO VITAGLIANO: “Fondamentale è il progetto intorno al prodotto.
Gli ingredienti perfetti? Napoletana e Romana di Molino Grassi”.

Due pizzerie nel napoletano, una a Roma e una in Qatar: Diego ha dato un imprinting imprenditoriale a quella che è, prima di un lavoro, una passione. Un successo che si raggiunge con lo spirito e le farine giuste. Napoletano doc, classe 1985, uno dei volti più promettenti della nuova generazione di pizzaioli: stiamo parlando di Diego Vitagliano, la cui pizza è ormai un marchio di fabbrica e trasporta la tradizione napoletana nella contemporaneità, attraverso grande ricerca sull’impasto e sulle materie prime.  

“Oggi è fondamentale avere un progetto serio intorno al prodotto: la mia è una passione, prima che un’attività”, afferma Diego, che proprio della sua passione ha fatto una storia di successo. “Ho aperto a Pozzuoli, nel 2016, la mia prima pizzeria che l’anno dopo ho trasferito a Napoli, nel quartiere Bagnoli. Successivamente ho riaperto a Pozzuoli un secondo locale; nel novembre 2022, ho inaugurato la mia pizzeria a Doha, in Qatar. Recentissima, nel 2023, l’apertura a Roma, in via Flaminia”.

La formula vincente per questa ascesa? “Certamente alla base c’è una visione, una progettualità ben precisa. Il successo si mantiene tenendo alta l’asticella: chi viene in uno dei miei locali trova sempre la pizza di Diego Vitagliano”. Un’impresa possibile, con impegno, studio e gli ingredienti giusti. “Come brand ambassador e utilizzatore delle farine Molino Grassi, posso dire che affidarmi alla loro Linea Pizza mi permette di lasciare in ottime mani ogni cliente che entra in un mio locale. Tra le mie referenze preferite, le novità 2023: Napoletana e Romana, entrambe fortemente volute dall’Azienda e rispondenti alle concrete esigenze della pizzeria di oggi”.

La Napoletana è infatti una farina tipo 0 con germe di grano, studiata per le esigenze della tradizione partenopea e disponibile in due versioni, Napoletana Midi, adatta a corte/medie lievitazioni e impasti diretti; Napoletana Extra, adatta a medie/lunghe lievitazioni e impasti indiretti. La Romana è invece una miscela per pinsa, pizza alla pala, in teglia e padellino, ricca di fibre e con germe di grano e farina di riso per accentuare la croccantezza e leggerezza della pizza. Disponibile in doppia versione: Romana, con meno fibre per impasti dalla colorazione chiara, e Romana Rustica, dai toni più ambrati per esaltare il valore, il gusto e i sapori di una volta.

“Le farine Molino Grassi, oltre che stabili e costanti, sono ‘serie’ – continua Diego – e provengono da grani selezionati. Sono inoltre messe a punto da una Ricerca e Sviluppo che si avvale di due tra i più grandi tecnici del panorama, Cristian Zaghini e Nicola Ascani. Tra gli altri miei prodotti preferiti, sicuramente la Macinata a Pietra Forte Bio, una farina tipo 1 che per me è un grande prodotto in pizzeria. Ha una marcia in più, io personalmente la uso nel prefermento”.

Tocco finale: “Vola Via, la farina da spolvero con cui faccio la stesura, miscelata con la Semola Rimacinata Molino Grassi. Questo, per ottenere una pizza rustica ma morbida, con quel gusto ‘di una volta’. Ne esce un prodotto strutturato che il pubblico apprezza senza stancarsi”.

NICOLA ASCANI: “Materia prima e metodo, con la Napoletana Molino Grassi, gusto e aroma unici”.

Il formatore e tecnico del molino parmense ci racconta come nasce una delle novità 2023 per il mondo pizza, con quella che è la sua visione di un locale di successo.

“Il cuore del mestiere per un pizzaiolo? Materia prima e metodo. Occorre partire dalle basi, per un progetto duraturo”. Parola di Nicola Ascani, tecnico e formatore Molino Grassi che, insieme a Christian Zaghini e Diego Vitagliano, ha messo a punto una delle novità del 2023 del molino parmense dedicate al mondo pizza, la Napoletana.

Una farina con germe di grano studiata per le esigenze della tradizione partenopea, disponibile in due versioni, Napoletana Midi, adatta a corte/medie lievitazioni e impasti diretti; Napoletana Extra, adatta a medie/lunghe lievitazioni e impasti indiretti. Favorisce lo sviluppo dell’impasto, la digeribilità, la friabilità e la scioglievolezza del prodotto finito, esaltandone caratteristiche organolettiche e per un’autentica esperienza sensoriale.

“Si tratta di una farina zero, composta da una miscela di farine e arricchita dalla presenza del germe di grano con tutte le sue proprietà, per una pizza dal gusto e dal profumo unici”, racconta Nicola. “Non si è trattato di un lavoro facile e per questo siamo particolarmente orgogliosi del risultato, avendo raggiunto un equilibrio ideale tra estensibilità dell’impasto e prodotto che gonfia in forno. Abbiamo ideato due tipi diversi di Napoletana per dare la possibilità di ottenere, qualunque sia la tipologia di lavorazione, quel particolare aroma (e sapore) molto apprezzato da un pubblico sempre più attento alla qualità. L’obiettivo era di dare un prodotto ‘facile’, tenendo ovviamente conto degli aspetti fondamentali di un impasto”.

Sì, perché oggi “le persone sanno riconoscere la qualità, al ristorante e pizzeria”, aggiunge Nicola, “dunque occorre prestare attenzione alle materie prime, alle giuste temperature e idratazioni, oltre a saper leggere quante proteine ha una farina. Insomma, avere in mano gli strumenti giusti per agire correttamente. E la formazione che come Molino Grassi offriamo ai nostri clienti va esattamente in questa direzione: una vera messa a punto di un metodo per clienti soddisfatti e un successo duraturo”.

CRISTIAN ZAGHINI: “Linea Pizza Molino Grassi e ascolto del cliente, così si fa la differenza in pizzeria”.Continuità di prodotto e consulenza, le “chiavi” per un business duraturo e di qualita. Ce lo racconta Cristian Zaghini: “tra le novità 2023, la Romana, con germe di grano e farina di riso: una referenza fortemente voluta”.

Una miscela per pinsa, pizza alla pala, in teglia e padellino, ricca di fibre e con germe di grano e farina di riso per accentuare la croccantezza e leggerezza della pizza. È una delle novità 2023 firmata Molino Grassi, disponibile in doppia versione: Romana, con meno fibre per impasti dalla colorazione chiara, e Romana Rustica, dai toni più ambrati per esaltare il valore, il gusto e i sapori di una volta.

“Si tratta di una novità fortemente voluta dall’Azienda”, racconta Cristian Zaghini, tecnico e formatore Molino Grassi che, insieme a Nicola Ascani e Diego Vitagliano, ha messo a punto non solo Romana, ma anche Napoletana, l’altra new entry del molino parmense. Due prodotti che vanno a completare la vasta linea dedicata al mondo pizza: “come tecnico Molino Grassi posso dire che la gamma offerta è completa, ma soprattutto che l’Azienda offre continuità al prodotto. Questo implica che una volta ‘imparato’ l’utilizzo di una certa farina, le modifiche da apportare alle modalità di lavorazione nel tempo sono pochissime”, prosegue Cristian.

Farine tecniche, affidabili, ma anche supporto in termini di formazione e consulenza, servizi che Molino Grassi offreattraverso il proprio staff tecnico, comprendente figure accreditate a livello nazionale e non solo: “in veste di formatore per Molino Grassi ho sviluppato un metodo molto fattivo, ossia strutturo la mia consulenza attraverso l’ascolto del Cliente. Ho così iniziato a comunicare diversamente ai miei corsi e nei momenti di formazione dedicata: oltre ai temi più classici, entro nel merito del ‘modo’ di impastare, occupandomi anche di recupero dell’impasto, insomma di tutti quegli aspetti molto pratici che fanno parte della quotidianità in pizzeria. Gestendoli, tutto viene ottimizzato e il margine d’errore ridotto al minimo, per offrire sempre ‘quel’ prodotto e quindi accontentare la clientela 365 giorni l’anno”.

La gamma Pizza Molino Grassi comprende farine diverse in base ai differenti tempi di lievitazione, per una pizza eccezionale, sempre e ovunque: non mancano, per pizza tirata ad impasto diretto, la Fast H6, perfetta anche per pizza al trancio, così come la Speedy H10, o ancora la Midi H12, certificata per la pizza napoletana verace dalla AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana), ideale pure per focaccia. La gamma si completa con Extramidi H16, per pizza tirata e al piatto, e Slow H24, messa a punto per pizza al piatto, al trancio e focaccia ad impasto diretto o indiretto. Tutte farine studiate per rispondere in modo chiaro e concreto alle esigenze di lavorazione del pizzaiolo moderno.

NERINA DI NUNZIO

Insegna ‘Comunicazione Biomedica’ all’Università di Tor Vergata nel Master di Secondo Livello in Nutrizione Sostenibile; ha tenuto per anni la cattedra di “Food and Beverage Industry” in inglese all’UNINT; insegna regolarmente alla Coldiretti per Campagna Amica ed è Specialista di Alta qualificazione all’Università Roma Tre per il “Corso Scienze e Culture Enogastronomiche” nel Dipartimento di Scienze. Ha diretto per tre anni IED Roma (Istituto Europeo di Design) e si occupa di Food Design da 11 anni. E’ un avvocato pentito, esperta di marketing digitale e comunicazione. Ha lavorato in Tim nel CRM e in Poste Italiane alla Direzione Marketing di Banco Posta e per 7 anni è stata Direttore Marketing e Comunicazione di “Gambero Rosso Holding” e del “Master in Giornalismo Eno-Gastronomico” di Stefano Bonilli. Ha fondato l’agenzia di PR e Media Relations “Food Confidential” e ha diretto la scuola di cucina e gli eventi della rivista “La Cucina Italiana” del gruppo Condè Nast a Milano. Autrice e conduttrice TV, Mental Coach e Istruttore di protocolli Mindfulness si occupa di crescita personale e spirituale. Ha scritto un libro sui prodotti biologici e ha un figlio che vuole salvare il pianeta dall’inquinamento.