Home Ambiente Melanzana rossa e fagiolo bianco, ecco “Pollino Experience”

Melanzana rossa e fagiolo bianco, ecco “Pollino Experience”

236
0
Melanzana rossa di Rotonda dop - Foto: Luigi Salsini

ROTONDA :: 07/04/202 :: E’ online il portale Pollino Experience (pollinoexperience.com), “il progetto di comunicazione e promozione territoriale che aggrega le strutture ricettive e quelle della ristorazione afferenti all’albergo diffuso di Rotonda (Potenza) ‘Il Borgo Ospitale'”. “Pollino Experience – spiega Franco Bruno, ideatore del progetto – vuole mettere in rete le eccellenze territoriali per poter offrire ai turisti una vasta gamma di esperienze da poter vivere in prima persona”. Il portale “si suddivide – è evidenziato in un comunicato – in quattro principali sezioni: Food, con link diretti alle strutture della ristorazione e all’offerta enogastronomica di eccellenza e che valorizza le due Dop, la melanzana rossa ed il fagiolo bianco; Ospitality, sezione con collegamento diretto all’albergo diffuso e le sue strutture; Wellness, l’area per scoprire i servizi per il benessere offerti della Spa Eufrasia; Nature, una sezione dedicata interamente alle esperienze dirette a contatto con la natura e l’ambiente, per chi cerca un’esperienza turistica pienamente sostenibile ed ecologico. Alle quattro sezioni se ne aggiunge un’altra, Stories, dedicata al racconto del territorio, della sua storia e delle storie che lo caratterizzano, fatto in prima persona con le testimonianze dei protagonisti e degli ospiti delle strutture”. “Il Pollino, a partire da Rotonda – aggiunge Bruno – è ormai una delle mete principali del turismo nazionale ed internazionale che vuole vivere un’esperienza diretta a contatto con la natura e la bellezza di un luogo carico di fascino e bellezza. Proprio per poter rendere ancora più attrattiva la nostra offerta turistica abbiamo scelto di migliorare e semplificare la ‘user experience’ mettendo in campo questo progetto digitale ed innovativo. I viaggiatori, i turisti, ricercano oggi esperienze più intense che possano coinvolgere tutti i sensi e generare emozioni che diventeranno sublime memoria e ricordi gentili da raccontare e condividere. La destinazione non è più al centro degli interessi, se conosciuta o meno non fa molto la differenza, ma ciò che conta – conclude – è vivere un’esperienza intima ed essere protagonisti del proprio tempo” . (ANSA). LSC 07-APR-22 09:47 NNN

Articolo precedenteAl Duomo di Cosenza il “Concerto per la pace”
Articolo successivoDWL_DrinkWithLove, un collettivo di amici produttori di vino artigianale danno vita allo speak-easy enoico fuori dal caos del Vinitaly