Home Calabria Ippolito 1845 presenta “Taste the Art”

Ippolito 1845 presenta “Taste the Art”

103
0

CIRÒ MARINA :: 01/12/2022 :: Taste the Art è il nuovo progetto della storica azienda Ippolito 1845, oggi guidata dalla quinta generazione. Un progetto di responsabilità sociale d’impresa che unisce vino, arte e territorio.

L’idea prende vita dall’incontro della famiglia Ippolito con il talento artistico di Enrico Focarelli Barone, in arte Frelly, giovane e promettente illustratore calabrese in grado di reinterpretare in maniera nuova ed originale i vini dell’azienda mediante raffinate illustrazioni in cui passato e futuro si fondono in una visione creativa, scanzonata e surreale. Oggi quelle illustrazioni diventano le etichette di Taste the Art, una linea di sei vini in edizione limitata, i più iconici dell’azienda, racchiusi in un’elegante ed inedita cassa in legno.

La vendita di queste bottiglie contribuirà alla raccolta di fondi a sostegno del restauro di opere artistiche e storiche del territorio calabrese. Una forma di sostenibilità sociale mediante la restituzione di una parte dei profitti alla comunità nella quale l’azienda opera e lavora da più di 170 anni.

Il progetto Taste the Art sarà presentato in anteprima a Roma, palcoscenico ideale scelto per la naturale bellezza e per il legame ancestrale con la cultura, simbolo universale di arte e storia. Il luogo scelto per il lancio dell’ambizioso progetto è il ristorante “Per Me” di Giulio Terrinoni, stella Michelin nel cuore del centro storico romano, dove i vini dell’azienda saranno abbinati ai piatti dello chef per un inedito pairing tra cibo, arte e vino. Il ristorante “Per Me” nei suoi spazi gioca con l’impalpabilità della luce che diventa elemento di design e oggetto della scultura di luce, twist artistico e surreale del locale, che si lega altresì alla luce speciale e alla solarità della Calabria.

Articolo precedenteApicoltura e Mieli in Calabria: realtà e prospettive
Articolo successivoAl via domani al Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide “Sibari da toccare”