Home Ambiente Identità e territorio: vini e tartufi per scoprire il Pollino

Identità e territorio: vini e tartufi per scoprire il Pollino

92
0

ALTOMONTE :: 28/11/2022 :: Una cantina che si fa ambasciatrice del territorio, partendo dai suoi vini e i prodotti identitari, per raccontare al meglio la ricchezza alimentare del Pollino. Così l’Antico Fienile Belmonte, cantina di Altomonte, si fa promotore della varietà e della ricchezza di una delle aree più ricche di biodiversità alimentare della Calabria attraverso una cena evento in collaborazione con Fabrizio Brigante, tartufaio del Pollino, Francesco Folino, chef cosentino, Anna Stratigò, scrittrice, musicista e donna di cultura del mondo arbereshe, e la Fondazione Italiana Sommelier.

“Vini e tartufi del Pollino, che gulia! Alla scoperta del territorio” è il titolo dell’evento in programma il 3 dicembre a partire dalle ore 19:00 presso la cantina sita in contrada Montino ad Altomonte (Cs). L’idea di Simona Belmonte, titolare della cantina, vuole «valorizzare» i prodotti «che la nostra terra ci offre e di cui c’è ancora poca conoscenza e consapevolezza».

Coinvolgendo professionisti del territorio «che ogni giorno lavorano cercando di valorizzare i frutti della nostra terra non fermandosi ai luoghi comuni ma spingendosi avanti nel tentativo di formarsi e fare sempre più esperienza per studiare ciò che di meraviglioso il nostro territorio ha da raccontarci nel suo aspetto più integro e selvaggio» la vignaiola altomontese ha scelto di regalare agli ospiti di questo evento speciale un percorso di gusto tra vini e tartufi. Il primo di una serie di appuntamenti voluti per raccontare al pubblico la ricchezza dell’areale in cui la cantina opera dal 2016 scegliendo l’artiginalità delle produzioni e il forte legame alla tradizione.


Un territorio dove «autenticità e genuinità nella trasformazione dei prodotti» sono espressione di un saper fare che racconta una capacità di impegno scelto dalla cantina L’antico fienile. «L’impegno – spiega Simona Belomente – di cui mi faccio carico tutti i giorni nella mia azienda è quello di offrire un esempio autentico di come trasformare prodotti artigianali che invitino il consumatore ad uno stile di vita sano e consapevole, un ritorno alla semplicità ed alla genuinità di valori e sapori».

Per info e prenotazioni entro e non oltre il 30 Novembre contattare 366 4634751.

Articolo precedenteFrancesco Mastroianni a Tropea con un panettone di 5 kg alla cipolla rossa
Articolo successivoA Milano la Fiera Nazionale del Panettone e del Pandoro