Home Emilia Romagna Cibus: chiude oltre le aspettative, a livelli pre-pandemia

Cibus: chiude oltre le aspettative, a livelli pre-pandemia

128
0

PARMA :: 08/05/2022 :: Cibus chiude alla fiera di Parma tornando ai numeri pre-pandemia: sia la presenza di espositori che di visitatori hanno infatti superato le attese di Fiere di Parma e Federalimentare, che organizzano il salone dedicato al cibo made in Italy. La vera novità di Cibus 2022 è proprio che la crisi ha dimostrato la solidità delle imprese a carattere familiare del nostro Paese, che hanno continuato a lavorare e a progettare anche durante la emergenza pandemica e la crisi Ucraina senza lasciarsi scoraggiare, anzi aumentando i loro sforzi per raggiungere l’eccellenza e la sostenibilità dei loro prodotti.

La domanda che continua a crescere in doppia cifra, ormai da oltre 10 anni, da parte degli importatori e distributori ha imposto agli organizzatori di calendarizzare Cibus anche nel 2023 (dal 29 al 30 marzo) in armonia con l’altra grande fiera del made in Italy, Vinitaly, in un format più leggero, proprio per consentire agli operatori internazionali di spendere più giorni sul territorio per visitare e conoscere da vicino le imprese che hanno reso celebre l’agroalimentare italiano.

Nel corso della quarta e ultima giornata, Cibus 2022 ha voluto sottolineare il ruolo della ristorazione italiana nel mondo, ambasciatrice della cucina italiana e della molteplicità delle produzioni alimentari del Bel Paese. Nel corso del convegno ‘Il futuro del fuoricasa: la ristorazione al servizio del Made in Italy’, la Associazione culturale ‘I Love Italian Food’ ha riferito di aver creato una rete di circa 20mila ristoratori, in tutti i continenti, per i quali organizza eventi B2B, food festival e formazione professionale.

Articolo precedenteAl via a Isola Capo Rizzuto il “Le Castella Music Fest”
Articolo successivoGiro d’Italia: il 13/5 arrivo a Potenza, Peppone testimonial in bici