Home Ambiente Vino: anche in Calabria ritorna l’appuntamento con Cantine Aperte

Vino: anche in Calabria ritorna l’appuntamento con Cantine Aperte

67
0

Le cantine calabresi del Movimento Turismo del Vino aprono le porte agli appassionati per lo storico appuntamento di maggio.

CATANZARO :: 26/05/2022 :: Vino, territorio, cultura, enogastronomia. Un poker d’indubbio successo che si prepara ad animare l’areale del vino calabrese dal Nord al Sud della regione per l’appuntamento annuale di Cantine Aperte 2022. Organizzato dal Movimento Turismo Vino a livello nazionale nel week end del 28 e 29 maggio in Calabria, l’evento arriva a ridosso della conclusione del Concours Mondial de Bruxelles che ha rilanciato l’attenzione mediatica sulle produzioni enologiche regionali grazie al lavoro della Regione Calabria e dell’Assessorato all’Agricoltura, guidato da Gianluca Gallo, in una strategia complessiva di marketing legato al territorio.

«Cantine aperte – ha dichiarato Pierluigi Aceti, presidente di Mtv Calabria – è la festa del vino e del territorio, in un connubio fortissimo che ormai caratterizza questo evento che permette ai produttori di narrarsi ai winelovers e gli appassionati in maniera particolare, facendo vivere le cantine e trasformandole in veri spazi di accoglienza, cultura, incontro, degustazione».

Ben quattordici i produttori aderenti al movimento che animeranno il week end in programma con visite ai vigneti, momenti di degustazione, intrattenimento e molto altro, trasformando le cantine in avamposti di racconto del territorio e spazio di socialità e promozione delle eccellenze gastronomiche calabresi, in stretta sinergia con i produttori dell’agroalimentare. «Il dinamismo importante che c’è sul territorio regionale attorno al mondo del vino ci permette di far conoscere la bellezza culturale, gastronomica e paesaggistica degli areali calabresi – ha ricordato Aceti – rilanciando e promuovendo la nostra azione sui territori rimarcando la voglia di raccontare lo stretto legame con il contesto produttivo, valorizzando la cultura del vino di qualità, ecosostenibile e nel rispetto del giusto equilibrio tra innovazione e tradizione».

Il movimento turismo del vino negli anni è cresciuto e si è consolidato come realtà capace di intercettare il bisogno e la voglia dei produttori di innestarsi nel grande segmento del turismo enogastronomico che in Italia muove migliaia di appassionati e crea indotto che va canalizzato a beneficio dei territori in stretta sinergia con le istituzioni locali e regionali, offendo una «strategia d’insieme che ci veda protagonisti allo stesso tavolo per creare economia sostenibile e racconto della biodiversità».

Sabato 28 e domenica 29 maggio si potrà scegliere, attraverso il sito mtvcalabria.it, la cantina da visitare e conoscere i programmi dettagliati di animazione dei produttori che partecipano all’iniziativa:

Archeo enologica Acroneo di Acri, Girolamo Basile di Belsito, Murace vini a Bivongi, Tenuta Celimarro di Castrovillari, Francesco Malena a Cirò Marina, Marhisa a Drapia, Barone Macrì a Gerace, Statti a Lamezia Terme, Casa Ponziana a Riace, Feudo dei Sanseverino e Cantina Viola a Saracena, Dell’aera vigneti e cantina a Soveria Simeri, La Pizzuta del Principe di Strongoli, Cantine Artese di Porto Salvo di Vibo.

Articolo precedenteParco Archeologico di Sibari: al via il progetto “Di Genio e Meraviglie”,  percorsi tra mito e cronaca, bellezza e mafia
Articolo successivoDinner Show dei 21 Solisti del Gusto di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori