Home Gusto Tiramisù World Cup: vincono un imprenditore in Veneto e una studentessa diciannovenne...

Tiramisù World Cup: vincono un imprenditore in Veneto e una studentessa diciannovenne in Piemonte

76
0

TREVISO :: 10/10/2022 :: Sono la giovanissima Marina Summa di Cerano (Novara) e Giuseppe Salvador di Martellago (Venezia) i Campioni 2022 della Tiramisù World Cup, che si è tenuta a Treviso dal 7 al 9 ottobre. Giuseppe Salvador ha vinto per la versione originale del celebre dessert italiano, mentre Marina Summa ha trionfato nella categoria “creativa”. E nella Loggia dei Cavalieri, dove era possibile assaggiare i Tiramisù dei Campioni delle passate edizioni, sono state vendute più di diecimila porzioni del popolare dolce. Giuseppe Salvador ha trionfato per la ricetta originale (uova, zucchero, mascarpone, savoiardi, caffè e cacao): classe 1972, socio di una azienda di pavimenti, dopo sei anni di partecipazione alla TWC, ha voluto dedicare la vittoria all’amico Marco Zago, scomparso prematuramente: “Tutto quello che verrà da questa vincita andrà all’associazione ‘La speranza di Marco’ che abbiamo fondato per lui. Servirà per acquistare defibrillatori e strumenti salva-vita”. Salvador ha superato in finale Cristina Malizia di Bologna e Alessandra Vendemmiati di Venezia. La più giovane concorrente in gara, Marina Summa (di soli 18 anni), studentessa di Cerano (Novara), ha conquistato tutti con la sua ricetta fatta di cialde di cannolo siciliano, scorza d’arancia candita e pistacchi. Sempre per la ricetta creativa, secondo posto per Silvia Vian con la sua sciroppo di menta, pasta di pistacchio, After Eight; a lei anche il Premio de “La Cucina Italiana”. Terza piazza per Francesca Gaiotto di Treviso con un Tiramisù creato con gorgonzola, noci e fichi. “Il tiramisù è una delle ricette che meglio rappresenta la nostra Italia nel mondo e la Tiramisù World Cup ne riassume i valori e le potenzialità. Andiamo così ad aggiungere un altro tassello al progetto di candidatura della cucina italiana di casa come patrimonio dell’umanità Unesco, promosso dalla nostra testata dal 2020”, ha affermato Maddalena Fossati, direttore de La Cucina Italiana.

Articolo precedenteÈ Michele Ruperto il miglior sommelier della Calabria
Articolo successivoDal 20 al 28 ottobre torna a Roma il Festival della Diplomazia