Home Calabria RadicarSi… nel centro storico: a Castrovillari torna Civita Nova con Eugenio Bennato

RadicarSi… nel centro storico: a Castrovillari torna Civita Nova con Eugenio Bennato

73
0

Una nuova edizione del festival, dal 8 al 11 settembre, che rende protagonista il centro storico della città del Pollino, quest’anno più ricco di eventi con grandi nomi della musica.

CASTROVILLARI :: 26/08/2022 :: Enogastronomia, escursioni, arte di strada, musica e giochi di luce: tutto questo è Civita Nova RadicarSi, il festival che valorizza il centro storico di Castrovillari, quest’anno in programma da giovedì 8 a domenica 11 settembre.

Quattro giorni non solo di spettacoli e prodotti identitari: la kermesse, infatti, ha in serbo ben cinque rassegne che incrociano il teatro e la musica etno-popolare, jazz e moderna con dibattiti, laboratori, mostre, arte urbana e trash art.

Civita Nova, per la prima volta, non vuole solo far rivivere il centro storico ma rimarcare il concetto del radicarsi in esso, amarlo e farlo proprio, proponendo nuove utopie dell’abitare, dove tutto è possibile. Come, ad esempio, passeggiare e godere di visite guidate con percorsi sensibili differenziati, dedicati a famiglie, over 65 e diversamente abili, grazie ai quali non esisteranno limiti e disabilità e nel corso delle quali si potranno scoprire angoli nascosti, innamorandosi del passato e delle proprie radici, come mai prima d’ora.

Ad evidenziare le idee d’appartenenza e di radicamento nelle terre del sud, la musica del cantautore Eugenio Bennato, uno dei grandi nomi protagonisti della manifestazione, organizzata dall’Amministrazione comunale di Castrovillari, sostenuta dalla Regione Calabria e dal Parco Nazionale del Pollino e che rientra nel brand Castrovillari città festival.

“L’evento – dichiara Ernesto Bello, Assessore al Turismo, Spettacoli e Attuazione Castrovillari Città Festival – mira a creare un format caratterizzante e distintivo del territorio, che verrà analizzato, vissuto, raccontato e promosso, nelle sue più diverse declinazioni. Un ampio contenitore in grado di soddisfare le richieste di diverse categorie di visitatori e che, al tempo stesso, consenta di radicarsi definitivamente nel centro storico cittadino, con attività innovative e sostenibili, capaci di lasciare il segno anche al di fuori della manifestazione”.

E’ per questo che il logo di Civita Nova RadicarSi – realizzato da Elmira Boosari, per il manifesto curato nella grafica da Claudio Regina – richiama il volto iconico della città: uno dei mascheroni della fontana di San Giuseppe, porta d’ingresso del centro storico.

A Cerisano il 28° Festival delle Serre

Quando

5 Settembre 2022 - 11 Settembre 2022    
0:00

Dove

28° Festival delle Serre
Cerisano, Cerisano, Cosenza, Calabria

Event Type

Mappa non disponibile

“Con orgoglio e determinazione siamo riusciti a costruire e mettere in scena il 28° Festival delle Serre”. Non nasconde gioia e soddisfazione l’avv. Lucio Di Gioia Sindaco di Cerisano, nell’annunciare e presentare il prossimo cartellone della Kermesse settembrina delle Serre Cosentine.

Dal 5 all’11 settembre infatti, anche quest’anno, Cerisano tornerà ad essere centro di cultura, spettacolo e divertimento dell’intera provincia, pronto ad accogliere, come sempre, i tanti visitatori e amanti del genere.

“Pur in assenza dei necessari e dovuti finanziamenti regionali per gli eventi storicizzati, abbiamo rispettato il tradizionale appuntamento con il più bel festival della Calabria. Un evento irrinunciabile, fortemente voluto dall’amministrazione comunale, ribadisce il Sindaco Di Gioia, articolato come sempre nelle diverse sezioni: Jazz, Teatro, Classica, Dibattiti, artisti di strada, cinema, musica Pop/Rock proprie e distintive del festival di Cerisano.

“Quest’anno non è stato affatto facile, soprattutto per l’assenza del consueto budget, e stavamo per rinunciare e arrenderci all’evidenza. E tuttavia, le sollecitazioni dei nostri concittadini e dei tanti amici del Festival ci hanno convinto della necessità di lanciare un forte segnale di concretezza e vitalità del nostro meraviglioso borgo, della sua gente, dando prova di capacità organizzativa e resilienza in difesa di un evento storico e rilevante per l’intera regione”, rimarca il primo cittadino.

Proprio al Presidente Occhiuto, ospite a Palazzo Sersale giovedì otto settembre, per un’intervista a cura di Riccardo Giacoia, si proverà a raccontare della necessità e dell’importanza di questa storica manifestazione per il territorio, per la cultura e l’economia del borgo. “Un doveroso ringraziamento a nome dell’intera comunità lo si deve certamente ai tanti maestri, musicisti e operatori, che hanno offerto la propria arte con generosità e amicizia verso il festival e per Cerisano”.

La sezione classica vedrà infatti la collaborazione dell’associazione M. Quintieri e dell’Orchestra Sinfonica Brutia; due diverse serate nella sezione teatro per omaggiare e ricordare due grandi uomini della cultura Calabrese recentemente scomparsi: Franco Dionesalvi e Antonello Antonante; e ancora tanta musica e spettacoli per le vie del borgo pronto e allestito al meglio per l’occasione. Proprio i luoghi e gli spazi del centro storico delle Serre cosentine rappresenteranno la vera attrazione per gli amici del festival e di Cerisano, con il fascino dei tanti vicoli, slarghi e piazze; con i fiori, le luci, buon cibo e la bella gente del festival.

Si parte lunedì 5 settembre, a Palazzo Sersale, dopo i saluti del Presidente della Provincia Rosaria Succurro, con il frizzante incontro tra Sergio Mazzuca e il duo Mannarino/Romanelli. Ogni sera musica, artisti di strada, cinema e dibattiti che troveranno spazio e si susseguiranno nelle diverse location del paese.

Si chiuderà domenica 11 settembre con un altro favoloso concerto della neonata Orchestra Sinfonica Brutia, ospite a Cerisano già nella sua prima assoluta. Gli ingredienti ci sono, tutto è pronto per il 28° Festival di Cerisano. Come ama definirlo il Sindaco Di Gioia, con quel pizzico di ironia decisione che lo contraddistingue: Vi aspettiamo e vi accoglieremo con “il più bel Festival della Calabria”.

Articolo precedenteTri Gra: il 30 agosto la rievocazione storica sulle grandi donne della storia di Firmo
Articolo successivoPeperoncino Jazz Festival fa tappa nelle cantine del Consorzio Terre di Cosenza DOP con l’evento “Women Jazz & Wine”